Provincia Fermo: arte, storia cultura, dove dormire, dove mangiare. Visita virtuale dei musei, centri storici e monumenti presenti nella provincia. Organizza la tua vacanza attraverso le visite virtuali del territorio ed ottieni informazioni certe e dettagliate sulle strutture ricettive presenti nella Provincia di Fermo.

To view virtual tour properly, Flash Player 9.0.28 or later version is needed. Please download the latest version of Flash Player and install it on your computer.
 

Originariamente abitata, a sud, dai Piceni, e, nella fascia costiera, dai Galli Senoni, nel corso del III secolo fu conquistata quasi interamente dai Romani, che vi fondarono diverse colonie, come Sena Gallica, Senigallia, Pisaurum (Pesaro), Firmum Picenum (Fermo), ecc.. collegate a Roma dalla Via Flaminia e dalla Via Salaria.

Nell'ordinamento dell'Italia, da parte di Augusto, le Marche (allora Ager gallicus), furono incluse nella VI regione (detta Umbria) e nella V regione, il Picenum.

La regione, riunitasi verso il 292 d.C., fu di nuovo smembrata dalle invasioni barbariche: la parte meridionale fu sottomessa dai Longobardi e quella settentrionale fu integrata nella Pentapoli dell'Impero d'Oriente.

L'influenza della Chiesa, iniziata al tempo dei re Carolingi, fu confermata dagli imperatori germanici, a partire da Ottone I, e tra il IX e l'XI sec., si costituirono le prime marche: Camerino, Fermo e Ancona, da cui, per estensione, venne dato il nome alla regione.

Da quel momento, il feudalesimo e le nuove autonomie comunali cominciarono a mettere in crisi il potere della Chiesa e l'autorità laica si affermò sempre più, tanto che, già nel XII sec., il Comune di Ancona fu in grado di contrapporsi sia alla potenza di Venezia che all'imperatore Federico Barbarossa.

Con l'affermarsi di piccole signorie autonome, però, intorno al XIV sec., le Marche si frazionarono in diversi staterelli, saltuariamente dominati da Fano, con i Malatesta, e Urbino, con i Montefeltro e i Della Rovere.

Nel 1354, la Chiesa, incaricò il cardinale Egidio Albornoz di restaurare l' autorità ecclesiastica e, a Fano nel 1357, fece accogliere le Constitutiones aegidianae, delle leggi che determinavano la nuova sistemazione politica della regione, e che rimasero in vigore fino al 1816.

All'inizio del XVI sec., Cesare Borgia, figlio del pontefice Alessandro VI, tentò di costituire una signoria personale al centro dell'Italia. La sua azione, che portò all'eliminazione dei signori locali e delle autonomie comunali, non poté essere consolidata, a causa della morte del papa suo padre, cosa che portò alla rovina del figlio, ma aiutò la Chiesa a sgombrare la regione da tutti gli impedimenti che avevano limitato la sua espansione. Pian piano caddero tutti i grandi comuni autonomi della regione: Ancona (1532), Camerino (1545) e Urbino, quando s'estinse la dinastia dei Della Rovere (1631). Dopo quasi tre secoli di lotte, la Chiesa dominò tutta la regione e la tenne senza contrasti nei secoli XVII e XVIII e questo arricchì il territorio di bellezze artistiche.

Ritornata possesso della Chiesa, dopo questa parentesi, le Marche furono annesse da Napoleone al Regno Italico (1808-1813), con l'occupazione di Gioacchino Murat (1813-1815), e poi di nuovo ritornarono sotto il dominio pontificio, e vi rimasero fino a quando, dopo la battaglia di Castelfidardo (settembre 1860), furono occupate dall'esercito piemontese e annesse al regno d'Italia, col plebiscito del 4 novembre 1860.

Da questo momento la storia delle Marche si identifica con quella dell'Italia di cui diventa una regione.

Per ulteriori informazioni turistiche segnaliamo : Provincia Fermo

 

Comuni

Tutti i Comuni

Altidona - Amandola - Belmonte Piceno - Campofilone - Falerone - Fermo - Francavilla d'Ete - Grottazzolina - Lapedona - Magliano di Tenna - Massa Fermana - Monsampietro Morico - Montappone - Monte Giberto - Monte Rinaldo - Monte San Pietrangeli - Monte Urano - Monte vidon Combatte - Monte Vidon Corrado - Montefalcone Appennino - Montefortino - Montegiorgio - Montegranaro - Monteleone di Fermo - Montelparo - Monterubbiano - Montottone - Moresco - Ortezzano - Pedaso - Petritoli - Ponzano di Fermo - Porto San Giorgio - Porto Sant'Elpidio - Rapagnano - Sant'Elpidio a Mare - Santa Vittoria in Matenano - Servigliano - Smerillo - Torre San patrizio - Torre di Palme - Marina Palmense - Lido di Fermo -

 

Comuni

 

Da Visitare

 

Teatro dell' Aquila Fermo

Teatro dell'Aquila: fu edificato su progetto dell'Architetto Cosimo Morelli di Imola (1729-1812) a partire dal 1780 in sostituzione di quello ligneo, andato perduto a causa di un incendio, che era posto nell'attuale Sala dei Ritratti nel Palazzo dei Priori. Virtual Tour >>>

 

Cisterne romane Fermo

Cisterne romane: Le Cisterne Romane, forse costruite su volontà di Cesare Ottaviano Augusto nel I sec.d.C., testimoniano la grande maestria e abilità costruttiva dei romani ed il rilevante ruolo dell'antica Firmum.  Virtual Tour >>>

 

Sala del Mappamondo e pinacoteca Fermo

Sala del Mappamondo: Una maestosa sala con 16.000 volumi prevalentemente del XVI secolo in gran parte donati da Romolo Spezioli, medico fermano di fiducia della Regina Cristina di Svezia.                     Virtual Tour >>>

 

Piazza del popolo Fermo

Marche: insolita e meravigliosa nella sua diversità, questa regione dell’Italia centrale dalle forme armoniche e sinuose, esprime la sua eccellenza..... Virtual Tour >>>

 

Teatro romano Falerone

Teatro romano: Piane di Falerone risalente al 29 a.C. divenne centro importante dotato di Teatro e anfiteatro, ville patrizie,terme e monumenti sepolcrali Virtual Tour >>>

 
 
 

      Valid HTML 4.01 Transitional                   La Realizzazione grafica e dei contenuti è stata curata da A.J. Medi@